Notizie

Si svolgerà il 4 agosto 2021 la cerimonia di premiazione della IV edizione del Premio Letterario Mario La Cava

Si svolgerà il prossimo 4 agosto al Parco dei diritti dei bambini di Bovalino (RC) la cerimonia di premiazione della IV Edizione del Premio Letterario Mario La Cava.

Saranno presenti la vincitrice Donatella Di Pietrantonio con l’opera Borgo Sud (Einaudi) e Piero Bevilacqua, vincitore del Premio “La Melagrana”.

Interventi musicali di Manuela Cricelli e Peppe Platani.

A “Borgo Sud” di Donatella Di Pietrantonio il Premio Mario La Cava 2020. A Piero Bevilacqua il Premio “La melagrana”

È Borgo sud di Donatella Di Pietrantonio (Einaudi) l’opera vincitrice del Premio letterario “Mario La Cava” 2020, promosso e organizzato dal Comune di Bovalino in collaborazione con il Caffè letterario La Cava. Ad annunciarlo, in conferenza stampa in diretta streaming, il sindaco di Bovalino, Vincenzo Maesano, l’assessore alla cultura Pasquale Blefari e il presidente del Caffè letterario Mario La Cava, Domenico Calabria.

Un comitato composto dai lettori del Caffè letterario e da rappresentanti istituzionali ha selezionato un gruppo di opere di narrativa, edite nel 2020, tra le quali Borgo sud è risultata la più votata per l’assegnazione del premio.

Dopo L’Arminuta (romanzo vincitore del Premio Campiello 2017), Donatella Di Pietrantonio ci regala un romanzo teso e intimo, intenso a ogni pagina, capace di tenere insieme emozione e profondità di sguardo. In Borgo sud le bambine riottose e complici, figlie di nessuna madre, ora sono donne cariche di slanci e di sbagli, di delusioni e possibilità, con un’eredità di parole non dette e attenzioni intermittenti. Vivono due grandi amori, sacri e un po’ storti, irreparabili come sono a volte gli amori incontrati da giovani. Ma per chi non conosce la lingua dell’affetto è molto difficile aprire il cuore. Pagine dense di un’emozione calda e sussurrata che rimane impressa nel lettore.

Premio speciale “La Melagrana” a Piero Bevilacqua, storico, scrittore e saggista, nel 1986 ha fondato l’Istituto meridionale di Storia e di Scienze sociali (Imes), che tuttora presiede, e la rivista Meridiana, di cui è direttore. Tra le sue opere più note, Le Campagne nel Mezzogiorno tra fascismo e dopoguerra: il caso Calabria (Einaudi, 1980), Breve storia dell’Italia meridionale dall’Ottocento ad oggi (Donzelli, 1993), La mucca è savia. Ragioni storiche della crisi alimentare europea (Donzelli, 2002) e La terra è finita. Breve storia dell’ambiente (Laterza, 2006).

«La quarta edizione del Premio letterario Mario La Cava non poteva fermarsi. Un così importante appuntamento tanto atteso nel mondo culturale nazionale doveva, nonostante l’emergenza sanitaria, svolgersi. Certo si tratta di un’edizione limitata e ci vedrà impegnati in due fasi a causa proprio dell’impossibilità in questo periodo di spostamenti e di incontri pubblici con vasta partecipazione – ha detto il sindaco Maesano – Voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questa edizione: i giurati, il Caffè letterario Mario La Cava e la famiglia dello scrittore scomparso. La volontà dell’ente di finanziare e realizzare il premio è la testimonianza del valore della cultura che può unire e far superare le barriere che la pandemia ci sta imponendo. La società ha bisogno di continuare a “vivere” e la cultura esprime una delle forme più nobili di progresso sociale attraverso la quale si forma la coscienza civica e la conoscenza per una vita fatta di libertà e dignità. Attendiamo in primavera Donatella Di Pietrantonio, straordinaria scrittrice, che conferma il suo grandissimo talento narrativo con Borgo sud e Piero Bevilacqua, intellettuale brillante e di grande rilievo sul panorama nazionale».

«Non era facile mantenere livelli qualitativi alti, in questa situazione problematica, ma penso che possiamo dire con grande soddisfazione di esserci comunque riusciti e che l’edizione 2020 del premio, come tutte le altre del premio, è ricca di straordinari contenuti letterari e storici, con due premiati di altissimo livello. Ci siamo impegnati al massimo e anche la cerimonia di premiazione è solo posticipata, a quando l’emergenza sarà passata, si spera al più presto. E a breve inizieremo a lavorare all’edizione 2020» ha dichiarato l’assessore alla cultura Pasquale Blefari.

«Siamo molto soddisfatti perché, nonostante le difficoltà oggettive, si è riusciti a mantenere la continuità e la qualità del premio. Donatella Di Pietrantonio, con la sua scrittura dal timbro unico, come sottolineano i critici, con la forza dei suoi personaggi, con storie semplici e affascinanti, è una delle più autorevoli voci del panorama letterario. Il premio speciale allo storico Piero Bevilacqua, uno dei massimi esperti di problematiche meridionali, è il riconoscimento a uno dei più importanti intellettuali del nostro Paese» ha concluso il presidente del Caffè letterario Domenico Calabria.

La cerimonia di premiazione si svolgerà presumibilmente in primavera, in osservanza delle norme anti-covid.

“Addio fantasmi” di Nadia Terranova vince la III edizione del Premio Letterario Mario La Cava

79973611_2481009915491676_7789173806932688896_n

A Cinzia Leone con “Ti rubo la vita” (Mondadori) il premio dei
Lettori del Caffè Letterario Mario La Cava.

Premio speciale “La melagrana” a Walter Pedullà

È “Addio fantasmi” di Nadia Terranova (Einaudi) l’opera vincitrice del Premio letterario “Mario La Cava” 2019. La giuria tecnica composta da Andrea Di Consoli, Stefano Ercolino, Marco Gatto, Loredana Lipperini e Vito Teti, con scrutinio segreto, nella cerimonia finale svoltasi sabato 14 dicembre a Bovalino (RC), ha decretato l’opera vincitrice tra le tre finaliste: oltre ad “Addio fantasmi”, “Ti rubo la vita” di Cinzia Leone (Mondadori) e “L’ora del mondo” di Matteo Meschiari (Hacca).
Declinato sul tema “Il viaggio. Percorsi vissuti, narrati e immaginati”, organizzato dal Comune di Bovalino in collaborazione con il Caffè letterario “La Cava”, con il patrocinio della Regione Calabria e il contributo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Locri, il Premio Letterario La Cava, giunto alla terza edizione, ha visto trentasette opere in concorso. Encomiabile il non facile lavoro dei giurati, espressione del panorama letterario nazionale, che hanno sottolineato l’alto livello delle opere in concorso e, in particolare, il valore artistico e l’originalità delle tre finaliste.
Dopo i saluti del sindaco Vincenzo Maesano, di Barbara Panetta in rappresentanza del governatore della Regione Mario Oliverio e della dirigente Caterina Autelitano dell’Istituto comprensivo “Francesco La Cava”, dove si è svolto il premio, i tre finalisti hanno dialogato con la giornalista Maria Teresa D’Agostino e il presidente del Caffè letterario Domenico Calabria. Brani delle opere sono stati letti da Giulia Palmisano, Rossella Scherl e Giovanni Ruffo.
«Sono contenta e onorata del Premio Mario La Cava, felice che il mio nome sia associato a quello di un grande scrittore – ha detto Nadia Terranova, ricevendo il premio dal sindaco Maesano – E lo prendo come un augurio per il mio prossimo romanzo, per il quale ci vorrà ancora un po’ di tempo, dato che in questi giorni stavo proprio scrivendo delle scene ambientate in Calabria».
Secondi ex-aequo Leone e Meschiari, premiati dal vicesindaco Cinzia Cataldo e dagli assessori Maddalena Dattilo e Filippo Musitano.
Premio speciale “La Melagrana” a Walter Pedullà, tra i massimi rappresentanti della critica letteraria nazionale che a Mario La Cava è stato legato da profonda stima e amicizia. Affascinante e coinvolgente il racconto di Pedullà, intriso di aneddoti, sul suo legame con La Cava e altri grandi del Novecento come De Benedetti, Filocamo e Strati. A consegnare il premio l’assessore alla cultura Pasquale Blefari.
L’opera più votata dai lettori del Caffè letterario La Cava è stata “Ti rubo la vita” di Cinzia Leone, che si è detta felice del riconoscimento degli appassionati lettori del circolo, coordinati dall’avvocato Enzo Dicembre. Ha consegnato il premio Grazia La Cava. 

I finalisti della III edizione

Solo_Finalisti

Tema conduttore di questa terza edizione:
IL VIAGGIO. Percorsi narrati, vissuti e immaginati.

Cinzia Leone con Ti rubo la vita (Mondadori), Matteo Meschiari con L’ora del mondo (Hacca) e Nadia Terranova con Addio fantasmi (Einaudi) sono i finalisti alla terza edizione del Premio Letterario Mario La Cava.
La giuria tecnica composta da Andrea Di Consoli, Stefano Ercolino, Marco Gatto, Loredana Lipperini e Vito Teti ha designato la terna finalista e sarà la stessa giuria, con voto segreto, a decretare l’opera vincitrice nella cerimonia di premiazione che si terrà sabato 14 dicembre, alle ore 17, nell’Aula Magna del Liceo scientifico Francesco La Cava.

Premio speciale “La Melagrana” a Walter Pedullà, saggista, critico letterario, giornalista, professore emerito dell’Università “La Sapienza” di Roma, autore di numerosi e importanti saggi sulla letteratura italiana e meridionale in particolare, per aver rivoluzionato i criteri della critica letteraria con le armi della neutralità e della ricerca disinteressata, per l’attenzione ai movimenti d’avanguardia e l’incoraggiamento ai nuovi talenti. A Mario La Cava, cui è stato legato da profonda amicizia, attribuisce il merito di aver rivitalizzato dalla provincia il genere del carattere teofrasteo.

Premio speciale

Conferenza stampa

Lunedì 25 Novembre alle ore 18,00 presso la Sala Consiliare del Comune di Bovalino si terrà la conferenza stampa di presentazione della III edizione del Premio Letterario Mario La Cava durante la quale saranno rese note le tre opere finaliste designate dai giurati Andrea Di Consoli, Stefano Ercolino, Marco Gatto, Loredana Lipperini e Vito Teti.

Sarà, inoltre, ufficializzata l’assegnazione del Premio Speciale “La melagrana”.

Maria Pia Ammirati vince il Premio Mario La Cava

La vincitrice Maria Pia Ammirati
La vincitrice Maria Pia Ammirati

E’ Maria Pia Ammirati con l’opera Due mogli – 2 agosto 1980 (Mondadori) la vincitrice della seconda edizione del Premio letterario Mario La Cava. Menzione speciale per Sonia Serazzi con “Il cielo comincia dal basso” (Rubbettino). Continua a leggere “Maria Pia Ammirati vince il Premio Mario La Cava”

CONFERENZA STAMPA

Sabato 1° Dicembre alle ore 10,30 presso la Sala Consiliare del Comune di Bovalino si terrà la conferenza stampa di presentazione della II edizione del Premio Letterario Mario La Cava durante la quale saranno rese note le cinque opere finaliste e l’assegnazione del Premio Speciale.